Centro Professionale Europeo Leonardo
Unione Europea - Fondo Sociale Europeo

UNIONE EUROPEA
Fondo Sociale Europeo

Repubblica Italiana
Regione Autonoma della Sardegna

Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale,
Cooperazione e Sicurezza Sociale

Agente d’affari in mediazione


di
Titolo del Progetto Agente d'affari in mediazione
Data inizio prevista Giugno 2011
Data fine prevista Novembre 2011
Sede di svolgimento Nuoro / Borore (in ragione delle adesioni pervenute)

OBIETTIVO

Il corso si prefigge di preparare gli aspiranti agenti immobiliari all’esame per l’iscrizione al “ruolo agenti d’affari in mediazione”, e contemporaneamente fornire agli allievi le competenze di natura legale, contrattuale, commerciale, finanziaria, fiscale e tecnica necessarie per poter intraprendere con successo un’attività di impresa nel settore dell’attività immobiliare per conto terzi. L’agente d’affari in mediazione è  in grado di comprendere e rispettare le nozioni di diritto civile e di legislazione sulla disciplina del progetto, recepisce e rispetta gli adempimenti di carattere amministrativo e fiscale, conosce l’insieme dei metodi e dei procedimenti attraverso cui è possibile attribuire il valore economico a determinate categorie di beni immobili, conosce il mercato immobiliare urbano ed agrario, tratta correttamente le diverse tipologie di dati dei clienti, in ottemperanza all’entrata in vigore della normativa sulla privacy, ha padronanza dei supporti finanziari relativi alla compravendita di immobili (mutui chirografari, mutui ipotecari, mutui di sostituzione, mutui a stati di avanzamento lavori, leasing immobiliare, credito al consumo, cessione del quinto dello stipendio, etc), opera secondo i principi del “codice deontologico della Federazione Italiana Mediatori Agenti d’Affari (F.I.M.A.A.), che definisce delle regole e fornisce dei suggerimenti comportamentali al fine di improntare l’attività del mediatore secondo principi di correttezza, professionalità, trasparenza. Inoltre, è in grado di adottare le moderne tecniche di comunicazione e strategie di marketing. L’agente d’affari in mediazione ha quindi le competenze per definire la mission aziendale, individuare il mercato di riferimento, pianificare e organizzare le fasi dell’attività, coordinare il personale dipendente e i collaboratori, sovrintendere ai rapporti con i clienti, curare l’immagine dell’azienda, definire e realizzare le azioni promozionali e di marketing, gestire gli aspetti finanziari ed amministrativi, esercitare il controllo di gestione dell’attività, pianificare e realizzare i servizi nell’ottica della soddisfazione del cliente e nel rispetto delle normative vigenti.

FIGURA PROFESSIONALE

L’agente d’affari in mediazione dispone del massimo grado di specializzazione nel campo specifico, ha acquisito una professionalità tale da prevedere come conseguenza un innalzamento della competitività sul mercato, con immediate ricadute occupazionali in forma autonoma, organizzata o di lavoro dipendente. Una figura professionale che gode di totale autonomia operativa, collocandosi al vertice della struttura aziendale, con capacità per poter assumersi in prima persona le responsabilità che la conduzione dell’agenzia immobiliare determina.

TITOLO MINIMO DI AMMISSIONE

Diploma di istruzione secondaria – Laurea triennale in materie economiche

ORE CORSUALI PREVISTE

165

NUMERO ALLIEVI AMMISSIBILE

15

MODALITÀ DI AMMISSIONE

  • Colloqui attitudinali e motivazionali
  • Valutazione dei titoli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA PROVA

Una volta individuato il bacino d’utenza e raccolte le domande di adesione,  un team  di esperti (attraverso un colloquio motivazionale e attraverso la valutazione dei titoli pregressi dei candidati) evidenzierà le qualità peculiari degli aspiranti allievi, in particolare:

  • Le abilità di carattere tecnico;
  • Le inclinazioni professionali e le motivazioni personali;
  • Livello culturale;
  • Le aspettative rispetto al percorso formativo che si andrà a svolgere ;
  • Il grado di adattabilità e flessibilità all’interno di un percorso di gruppo.

Effettuata la selezione verranno inseriti nel corso i 15 candidati che avranno ottenuto il punteggio più alto.
Il punteggio minimo per poter accedere al corso sarà 60/100; Il 50% del punteggio sarà attribuito dalla valutazione dei titoli pregressi, mentre il restante 50 % dalla valutazione del colloquio motivazionale.
Nel rispetto del principio delle pari opportunità il 50% dei posti disponibili sarà dedicato alle donne.
Tale fase verrà gestita dal Centro Professionale Europeo Leonardo in collaborazione con un team di provata esperienza, esperti in selezioni attitudinali e interventi motivazionali
 


Scarica la domanda (in formato pdf compilabile)

Leggi il bando di concorso


Condividi su Facebook