Centro Professionale Europeo Leonardo
Unione Europea - Fondo Sociale Europeo

UNIONE EUROPEA
Fondo Sociale Europeo

Repubblica Italiana
Regione Autonoma della Sardegna

Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale,
Cooperazione e Sicurezza Sociale

Catalogo 2013
Destination management per il turismo sostenibile e accessibile


di

Destination management per il turismo sostenibile e accessibile

 

Destination management
per il turismo sostenibile e accessibile

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE

 

Sedi CAGLIARI – BORORE
Durata 420 ore
Titolo di studio minimo in ingresso Diploma di maturità
Requisiti di accesso Competenze di base in inglese (B1)
Competenze di base nell’uso delle TIC (Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione)
Requisiti preferenziali Esperienza pregressa nel settore
Laurea triennale o specialistica in discipline affini
Attestato Attestazione di frequenza con indicazione analitica delle competenze acquisite
Costo 6000 € (i laureati disoccupati, inoccupati o in mobilità possono usufruire di un voucher regionale)
ID corso 11738

Destination management e sostenibilità turistica

L’insoddisfacente andamento del settore turistico locale contrasta con le enormi potenzialità strategiche della Sardegna e con le opposte dinamiche del mercato turistico mondiale. Di quale patologia soffre il sistema turistico sardo? Le prospettive vincenti, ossia la destagionalizzazione e la sostenibilità, stentano a decollare per un vuoto di programmazione strutturale e integrata. Il territorio rappresenta un elemento chiave e le destinazioni sono chiamate a creare alleanze strategiche e a svolgere un ruolo attivo in un mercato sempre più complesso, dinamico e competitivo.
Lo conferma la nascita del brand integrato Destinazione #Sud-Sardegna, e ancor più il suo inserimento come «Early Adopter» nel progetto pilota del Global Sustainable Tourism Council per l’adozione, sotto l’egida dell’ONU, di standards internazionali di sostenibilità per le destinazioni turistiche. Destinazione #SudSardegna rappresenta un’eccezionale best practice, che chiarisce le forti relazioni tra destination management e politiche a sostegno del turismo sostenibile e accessibile.
La figura in uscita, innovativa rispetto alle tendenze del settore, coerente con i nuovi trend, rappresenta un profilo professionale versatile, capace di applicare strategie metacognitive e trasversali alla crescente complessità dei compiti richiesti.

Gli obiettivi del corso

Il corso intende fornire le competenze necessarie alla governance delle destinazioni turistiche, alla promozione e attuazione di politiche di sviluppo territoriale, all’organizzazione di sistemi di gestione ambientale, alla realizzazione di progetti integrati sostenibili e accessibili, anche in riferimento al turismo sociale e del «Terzo settore».
La figura in uscita dovrà essere in grado di progettare e promuovere servizi turistici integrati; definire strategie di governo adeguate alle peculiarità di una destination; individuare le criticità caratterizzanti le relazioni tra gli stakeholders; mettere in campo sinergie tra gli addetti del settore per creare reti tra i servizi turistici presenti nel territorio.
Strettamente collegata è la capacità di comunicare e commercializzare destinazioni turistiche mediante la nuova struttura dei canali di vendita, applicando competenze ad alto contenuto informativo, comunicativo e ideativo.
In parallelo e in sinergia, dovranno essere sviluppate competenze specifiche nella pianificazione e nell’organizzazione di politiche turistiche sostenibili e accessibili, e nella consulenza alle istituzioni e alle imprese per l’implementazione di sistemi di certificazione della sostenibilità turistica e ambientale.


Condividi su Facebook